S. Cristina Rigoletto 2000

Veneto IGT

Ottenuto da uve appassite di Trebbiano di Lugana. Bellissimo colore giallo dorato tendente all’ambrato, molto vivo. Il naso è avvolto in un effluvio di profumi molto ricco e variegato. In principio si percepiscono le note di frutta matura e poi di miele e vaniglia. In bocca è ampio e maestoso, dolce, ma con molto garbo ed eleganza; si ribadiscono le note di frutta sopramatura, di miele e di vaniglia. Ha lunghissima persistenza aromatica.

VINIFICAZIONE

Fermentazione per i primi 3-4 giorni in serbatoi di acciaio inox, e successivamente per 30-40 giorni in barriques di legno francese nuovo. Affinamento per 12-15 mesi in barriques nuove, dopo il travaso e finissaggio in botti di acciaio inox ed infine imbottigliato. Affinamento in bottiglia per 12 mesi prima della vendita.

€ 25.00

Produttore Zenato
Denominazione Veneto IGT
Vitigno Trebbiano di Lugana
Gradazione 11,5% Vol.
Formato Demi (0.375 lt)

Descrizione produttore

L’anima del Lugana e il cuore della Valpolicella.
L’anima e il cuore di Zenato risiedono nelle antiche terre moreniche del Lugana e della Valpolicella, luoghi dal clima mite e di impareggiabile fascino che si affacciano sulla sponda veneta del Lago di Garda.

I vigneti si estendono per 75 ettari nella tenuta Zenato di S. Cristina a San Benedetto di Lugana, vocati al Trebbiano di Lugana e nella tenuta Costalunga in Valpolicella, patria del celebre Amarone Zenato, che ospita i rinomati vitigni Corvina, Rondinella e Oseleta.

Tutto nasce nel 1960 dal padre Sergio Zenato, che con energia e ambizione, animato dal suo profondo legame con il territorio, ha sperimentato nuove tecniche di vinificazione e investito sui vitigni autoctoni, fino ad ottenere vini di qualità altissima.
Oggi, la moglie Carla insieme ai figli Alberto e Nadia, con la stessa passione, tenacia ed infinita dedizione, fanno crescere la grande impresa di Sergio, diffondendo l’eccellenza dei vini Zenato in oltre 60 paesi del mondo.
Così, l’anima dei territori del Lugana ed il cuore della Valpolicella continuano a espandere i loro confini.

INDIETRO